Una Ferrari dal muso nero…

HEADER-TITOLO-BLOG-senza-foto

Una Ferrari dal muso nero…

 

 

Senza scritte.

E un disarmo nell’animo che non può essere descritto.

11 settembre. 15 settembre. Le Torri Gemelle, Zanardi all’ospedale , Gislimberti scomparso da un anno. Ne avresti dei motivi per dire non si corre e con ogni probabilità (molto più umanamente) non ce ne sarebbe nemmeno l’intenzione, da parte di chi ogni domenica da Gran Premio si lancia su di un nastro di asfalto con l’intento di essere più veloce degli altri.

Al box le due F-2001 sulla loro carrozzeria non riportano la scritta di nessun sponsor. In compenso appare un muso nero di solo carbonio. Lutto autentico. Mentre il resto del mondo non si ferma. Non lo vuole Ecclestone che dovrebbe rifondere alle emittenti televisive e diritti di una gara non disputata. Non lo vuole Briatore che impone la volontà del team ai propri piloti, Button e Fisichella.

Turbamenti da aria pesante, come nemmeno l’acqua,altrettanto pesante di un’atomica potrebbe aiutare a raccontare. Non c’è unanimità nemmeno stavolta. Nemmeno nella concitazione di un’avvenuta tragedia globale.

Schumi infila il casco. Si cala nell’abitacolo della sua F-2001 e parte. Senza essere lui, ma altro.

Un uomo, deciso silenziosamente a far presente la propria volontà. Protesta di un silenzio interiore che è un pugno nello stomaco di chi non l’abbia voluto ascoltare.

Juan Pablo Montoya vince quell’edizione del Gran Premio d’Italia.La prima vittoria di un pilota colombiano in Formula 1 . Sul podio Barrichello da smarrito paperino con una tuta Rossa senza scritte dà quasi l‘idea che a quel palcoscenico rinuncerebbe volentieri, insieme all’idea che esprimere da quel pulpito la propria soddisfazione per il risultato ottenuto non corrisponda proprio al vero.

Aria pesante.

Corsa finita.

Schumacher non si è visto.

Per capire come quel giorno (tanto per dire…) non fosse proprio il caso di correre.

Quarto al traguardo.

A se stesso era bastata una Ferrari dal muso nero.

E un mondo, che aveva deciso di non fermarsi.

Insieme a lui.

 

logo sinfonia motore almanacco

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.