Tu sei ok Giorgio?

HEADER-TITOLO-BLOG-senza-foto

Tu sei ok Giorgio?

 

 

Una settimana. La settimana Santa. Come gli appassionati di Endurance chiamano quel periodo di tempo che precede la 24 Ore di Le Mans e qui,  in questo luogo chiamato Sinfonia Motore, sarà una settimana deputata a racconti che descrivano come la gara più famosa al mondo abbia attraversato decenni, cose e persone.

Tanto per cominciare non potrei, non potrò mai dimenticarla.

La mia prima Le Mans. Tre anni fa. Il frutto di una promessa e di una parola data.

Bisogna esserci. Come più volte Denny Wilde  da commissario di gara e amico mi ripeteva, in attesa di quel 16 giugno che sembrava non arrivare mai fino a piombare improvvisamente nella mia vita, da eburneo masegno veneziano. Inamovibile dai tuoi pensieri da corsa. Bisogna esserci per capire. Comprendere il fascino apparentemente insensato di correre per 24 ore consecutive su di un anello di oltre 13 Km. Tanta energia spesa con l’unico scopo di  tornare dal punto in cui si è partiti 24 ore prima. Insensato appunto. Ma un viaggio è tale non per la meta che si raggiunge ma per ciò che quel percorso  ci fa attraversare.

 “Eh sì, la posteriore sinistra. Come l’anno scorso in gara. Visto? Non vuole mollarmi.”

14 giugno. Giovedì.

Ancora non ero pronto. Era solo un accenno di quella ferocia di cui una gara come la 24 Ore di Le Mans possa essere capace di rivelarti, prima ancora che tu sia in grado di esserne fisicamente al via, spettatore,pilota, o chiunque tu sia. Il giorno prima, mercoledì, durante una sessione di prove libere Giorgio davanti ai miei occhi sul rettifilo dell’Hunaudières aveva forato la posteriore sinistra, come già gli era successo al debutto in gara l’anno precedente. Ci ridiamo sopra. Il passato è passato. È ieri. Trapassato remoto. Un attimo, una pizzicata di troppo e la gomma cede. Cose che capitano, in attesa delle qualifiche, dell’oggi e di quel giovedì che sembra regalare univocamente nuove speranze. Io nella mia roulotte di fianco l’Hunaudières a scrivere, Giorgio in pista a mettere a punto la 47 insieme a Roberto e Felipe (Nasr).

“Emi, siamo in regime di bandiera rossa. Credo abbia picchiato la 47 trecento metri prima della nostra postazione alla prima variante dell’Hunaudières…cazzo!…Un…rottame.”

Denny è laconico. Troppo. In televisione non è passato nulla. Uno stacco pubblicitario è andato in onda mentre Serna e la 47 volano sulle reti. Esco fuori. Senza farmi vedere mi avvicino al gard rail. La SQUAD è stata chiara. In nostra assenza non avvicinarti per nessun motivo alla pista. Se ti becca la Gendarmerìe francese passi un brutto quarto d’ora. Garantito. La faccia inquieta e scoraggiata di Roberto in televisione non mi tranquillizza per niente. Vado a vedere. Me ne frego della Gendarmerìe e vado a vedere.

 “Tu sei Ok, Giorgio?”

“Devo scendere perché… la macchina è de-molita.”

Giorni dopo, un team radio di Serna mi racconterà tutto questo.

Può accadere che la strada del nostro viaggio sia ancora lunga. Un lungo viaggio, anche solo per poter arrivare, a una meta che nemmeno s’intravede. Nonostante il buio rotto dai fari, nonostante l’Hunaudières  possa farti capire chi, da queste parti comandi, senza per questo dover alzare insistentemente la propria voce.

Gli basta essere quello che è. Silente predatore in attesa, come la vita di chi ogni anno viene a sfidarlo risulta essere la preda perfetta, in un gioco delle parti mai concluso, fino alla successiva e futura 24 Ore. Quella, non ancora disputata.

“Tu sei Ok Giorgio?”

Sì, Giorgio è ok.

Per una cinquina meravigliosa di partecipazioni.

Che oggi racconta.

La sua storia a Le Mans.

logo sinfonia motore almanacco

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.