Tabaton e il “Grifone”

Tabaton e il “Grifone”

 

Tabaton e la scuderia Grifone. Due nomi che hanno detto tanto nella storia del rally italiano e internazionale . La scuderia Grifone nasce da una costola  della allora vincente scuderia Quinto, nel senso che alcuni suoi componenti la crearono uscendo da quest’ultima. Luigi Tabaton in un secondo momento entra come socio nella scuderia  e sarà lui che la lancerà nell’Olimpo  delle squadre più titolate del rallysmo italiano.

Il connubio Grifone – Lancia  avviene nel 1965  e sarà ricco di successi negli anni a venire. I miei ricordi  degli anni ‘80, ‘90 li associo  prima di tutto a Fabrizio Tabaton , figlio dell’appena citato Luigi  Tabaton uno dei migliori piloti di quell’epoca.

La carriera rallystica  di Fabrizio inizia come tanti piloti della sua generazione con la macchina scuola dell’epoca, la mitica A 112 Abarth dal favoloso rapporto peso-potenza. Fabrizio fa suo il trofeo  abarth nel 1978 e da lì sarà un susseguirsi di affermazioni  con la Stratos  e poi con la 131.  Alla guida della 037  nell ’84 vince il titolo riservato alle gruppo B e nel 1985  vincerà il tricolore sempre con la 037. Nel 1986  la scuderia Grifone  porterà a casa l’europeo con la S4 guidata  da Fabrizio, il 1987  con il debutto dei gruppi A  al posto delle B  vedrà il successo nell’italiano di Tabaton alla guida della Delta 4WD. Nel 1988  la Grifone porta in cascina un altro titolo europeo sempre con alla guida Fabrizio  con al fianco il fido copilota  Luciano Tedeschini . In questa carrellata di  successi Tabaton e il Grifone risultano essere complementari l’uno all’altro.

 

Tabaton e la sua S4 Fabrizio Tabaton con la S4 del “Grifone” (Illustrazione Luca Tozzi)

 

Fabrizio correrà successivamente qualche gara  ma in modo sporadico per dedicarsi a tempo pieno alla scuderia grifone in veste di manager. Gli anni a venire vedranno al volante delle  macchine della scuderia piloti del calibro di Piero Longhi, che debutterà con l’ultima versione scesa in campo della Delta. L’uscita di scena della Lancia dai rally determina cambiamenti organizzativi per la scuderia. La Grifone infatti era uno dei team riferimento della Lancia per la meticolosa  preparazione delle sue macchine. Al posto delle vetture torinesi nell’officina entreranno le Toyota  prima le Celica e poi  le Corolla provenienti direttamente  dal TTE di Ove Andersson. Nel 1995  e 1997 con Pucci Grossi la Scuderia Grifone porta a casa 2 titoli italiani terra alla guida della Celica . Nel 1998 con l’arrivo delle Corolla guidate da Aghini, Longhi e Tempestini, Aghini farà suo l’italiano nel 1998 e nel 1999 e Tempestini vincerà il campionato su terra nel 1999.  

IL 2000  vedrà invece la vittoria nell’italiano di Piero Longhi  a bordo della Corolla. Gli anni a seguire vedranno sempre il team Grifone vincitore in rally minori con macchine preparate dal loro reparto corse ma non avremo più vittorie nel  CIR . La scuderia Grifone  è  stata anche presente in pista nella preparazione di macchine  nella specialità  dell’autocross  a dimostrazione della competenza del team . I miei ricordi  vanno alla fine degli anni 80 e alle varie Lancia della scuderia Grifone con la bellissima colorazione  nero-oro in rappresentanza degli sponsor del periodo. Non avere una casa italiana in questo settore ha portato a un declino generalizzato in tutte le scuderie satellite  che rappresentavano il gruppo FIAT-LANCIA a livello nazionale ed internazionale. Un vero peccato considerando tutte le competenze umane e tecniche presenti.

Lasciate e se stesse. 

 

 

Andrea Piras

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_row_inner][vc_column_inner][vc_column_text]

[apss_share]

[/vc_column_text][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]