Ritorno al futuro 4 (o al passato?)

HEADER-TITOLO-ALMANACCO-senza-foto

RITORNO AL FUTURO 4

(O AL PASSATO ?)

 

 

San Paolo Brasile. Molti spettatori del Gp carioca durante la gara hanno telefonato all’aereonautica militare perché sostenevano di aver visto un Ufo. Anzi adesso si chiamano UAP. Si perché sono in molti tra i tifosi che affollavano le tribune del Gp brasileiro a giurare di aver  visto a più riprese  una macchina nera entrare alla Junsao per poi sparire in un lampo come la DeLorean di Marty McFly per poi vederla riapparire magicamente alla “S” di Senna davanti all’avversario di turno. Prodigi di teutonica creazione altro che dott. Emmet Brown!

In pratica dalla ventesima posizione alla quinta il sabato e dalla decima alla prima la domenica. Devo ammettere che la parte iniziale dell’articolo l’ho fatta grazie al dettatore viva voce del mio software perché dopo la sverniciatura delle Mercedes alle Ferrari in rettilineo mi erano cadute le braccia. Poi una volta visto che a tutti (nessuno escluso) è toccata la stessa sorte le ho riattaccate ma è cominciato anche a venirmi qualche dubbio..

Dubbio alimentato pure da qualche dichiarazione in stile baloncesto dello spagnolo Alonso,  il quale pensa che la Mercedes stia usando un canestro più grande degli altri….

Io non lo so se sia realmente così ma una superiorità simile in un rettilineo lungo sì ma non estremo era da anni che non la vedevo. Mi guardo bene dall’ esprimermi in merito senza dati in mano, riporto solo frasi di addetti ai lavori e sensazioni personali (anche Horner ha sollevato dubbi sul motore Mercedes).

Una cosa però posso dirla. E se Mercedes invece abbia deciso di fingere di avere problemi alla sua P.U. per mettere invece in campo una nuova tattica? Se in realtà abbiano deliberatamente deciso di  accettare le 5 penalità in gara pur di poter correre gli ultimi Gp sempre full power?

Perché se il divario tra il motore Mercedes a tutta potenza e gli altri che devono per forza anche pensare all’affidabilità è quello visto domenica beh allora alla Mercedes hanno fatto bingo!

Se così fosse il team teotunico avrebbe rispolverato il vecchio adagio ( beh per la Formula uno non il vocabolo migliore) del Drake quando sosteneva che un vero motore di F1 portato all’estremo delle sue potenzialità dovesse rompersi un metro dopo il traguardo. Ecco diciamo che in Mercedes sono stati un pò più “conservativi” rispetto al “grande Vecchio” ma il concetto sia  quello. E se per farlo devono pagare qualche posizione poco male, tanto in 24 giri possono  tranquillamente recuperare 15 posizioni. Figuriamoci in 70.

Tutto questo chiaramente in barba al contenimento dei costi e allo “spirito” del regolamento che ha portato al contingentamento delle P.U. Sia chiaro. Ho parlato di “spirito” perché tutto ciò è nei “traclklimits” posti dalla FIA. Credo che in Red Bull debbano correre ai ripari prima che sia troppo tardi. In pratica copiare i tedeschi  finché si è ancora davanti. Red Bull avvisata Red Bull (forse) mezza salvata. Che poi anche lì, hanno certamente stravolto l’atto costitutivo del team che alla voce 1 riporta “noi mettiamo le ali” trasformandolo in “noi facciamo togliere le ali”. Sì.

 Alla Mercedes certo, ma sempre di ali monche si tratta. Forse a Milton Keynes hanno pensato che tali prodigi di velocità proprio da li potessero arrivare ma credo invece  che sia un bellissimo specchio per le allodole e che il segreto stia circa 100 cm più in avanti.

Comunque la guerra è sempre più serrata con giri veloci sparati all’ultimo passaggio per succhiarsi la goccia di un punto. Tutto sommato avvincente per loro umiliante per tutti gli altri.

Gli altri appunto.  Di loro faccio fatica a parlare. La Ferrari ormai fa il suo compitino giusto per non avere esami a settembre, la McLaren come il resto degli altri team , tranne forse l’Alpha Tauri che cerca in tutti i modi di dare una mano,  sembra che ormai stiano pensando al 2022 .

Ora si va tutti in Qatar dove c’è il rettilineo lungo 1068 metri e se tanto mi da tanto Hamilton potrà vincere partendo ancora dall’ Arquibancadas.

Vedremo….

 

Sergio Mapelli

 

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.