La “Grande Bellezza” di Kimi Raikkonen

HEADER-TITOLO-BLOG-senza-foto

La “Grande Bellezza”

di

Kimi Raikkonen

 

 

Rubare un giorno a un vecchio. Sarebbe come rubargli l’aria per respirare, di una vita che si accorcia sempre di più.

Sarebbe successo ieri ma voglio raccontarvelo lo stesso; oggi.

Un “vecchietto”.

 Kimi Raikkonen.

Capace di litigare col box perché l’acqua che dovrebbe servire a dissetarlo finisce con l’intrufolarsi nelle sue scarpe…gonfiandole.

Caro…  “vecchio” Kimi, per quel piacere di ritrovarsi nel presente e affrontare la realtà con rinnovato spirito critico.

Solo per il gusto di girarsi indietro, per vedere cosa sia successo poco più di un attimo prima. Cinque anni fa. Per una gara di Formula 1 nella giapponese Suzuka. Un evento, passato sotto i nostri occhi come un lampo di luce, istantaneo e fulmineo.

Un sorpasso. Probabilmente il più bello di quella stagione. O almeno così è, nei miei ricordi a distanza di 60 mesi esatti.

Porta, oggi come allora la firma del “vecchietto” del Circus.

Strano mi dico, gli chiesero del cambio,della partenza,della strategia, se la Ferrari sarebbe stata dietro alla Red Bull in Texas, se fosse per caso deluso rispetto alle qualifiche del sabato, della lotta con Ricciardo e se comunque, fosse contento della gara appena disputata. Questo, allora. Oggi più concitatamente le domande sono assai più stringate e stringenti. Chi sarà campione del mondo tra Hamilton e Verstappen a fine stagione?

Chi farà più punti.

Genialmente e asetticamente serafico. A giustificare un’autistica rottura di balle per l’ennesima domanda reputata dalla parte chiamata in causa superfluamente inutile. 

E oggi come allora, di quel sorpasso su Perez e Palmer in contemporanea al quindicesimo giro con Hamilton appena uscito dalla corsia box, nessuna traccia.

Non un lembo di ricordo.

La qualità di una storia dipende anche da come venga esposta e da quali parole si usino per farlo.

Nella bellezza vedo un valore.

Riconoscerla in un sorpasso fa ancora la differenza, su quell’ eternità di chi viva un’esistenza sul filo dei 300 all’ora, pensando al passaggio di quell’edizione del Gran Premio del Giappone a Suzuka cinque anni fa.

La Grande Bellezza di Kimi Raikkonen.

Dentro, una Ferrari da corsa.

 

logo sinfonia motore almanacco

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.