Infinitiy Ogier-Andreucci

 

Infinity Ogier-Andreucci

 

 

Alla quarta vittoria di Ogier  in campionato fa da contraltare in italia l’undicesimo titolo italiano vinto da Andreucci nell’ultima gara svoltasi questo week end. I campioni  nei momenti di difficoltà tirano fuori il meglio e questo mio pensiero è confermato da questi 2 piloti. Il francese riapre un campionato del mondo a 2 gare dalla fine dimezzando lo svantaggio da un Neuville in affanno  ora ha un vantaggio di soli 7 punti. Diciamo che fino a 3/4 di gara Tanak aveva la gara in tasca avendo fatto il vuoto , ma poi un banale errore per un taglio di curva troppo secco ha causato l’irreparabile con un pietra che ha colpito il radiatore danneggiandolo irreparabilmente.

Con Tanak out la prima posizione  passava nelle mani di Ogier ,il quale caparbiamente resisteva agli attacchi di Latvala . la Toyota in questo momento sembra aver  messo la freccia ed è passata davanti a tutta la concorrenza. Tutti i piloti Toyota segnano tempi di livello in ogni p.s e solo quelli di punta quali Ogier e Neuville riescono a sopperire alle mancanze delle rispettive macchine. Nel mondiale marche Toyota è passata davanti e a questo punto può puntare a vincere questa classifica. Nel campionato  piloti la lotta sarà a due Neuville  contro Ogier. Come la Spagna ci ha abbondantemente preannunciato.

Dal campionato del mondo WRC  passiamo in casa nostra e dare  conto dell’ultima gara svolta sulle strade  del rally “2 Valli” in  quel di Verona, gara che assegnava il titolo italiano. Alla fine  della gara Paolo Andreucci è stato incoronato campione italiano per l’undicesima volta. Il pilota toscano sembra aver fermato il tempo e a 53 anni fa suo questo campionato. È stata una stagione di alti e bassi per il campione toscano condita da qualche errore in più del solito e dal brutto incidente durante i test Pirelli a metà stagione. Nonostante ciò Paolo è riuscito anche quest’anno a vincere il titolo, con un terzo posto alle spalle di un inavvicinabile Rossetti su Hyundai i20  e di un Crugnola su Fiesta  R5. Chi è uscito con la coda tra le gambe è stato il pilota di casa Scandola al volante della Fabia , messo in difficoltà da una foratura subita nella prima giornata è uscito dalla lotta per la vittoria e dalle residue  speranze di giocarsi il titolo.  Il prossimo anno il garfagnino  sarà ancora il pilota da battere e vorrà andare alla conquista del 12 titolo. Un dubbio però mi viene. Sarà tentato da provare a vincere in un altro campionato ? Esempio l’europeo?  Vedremo. Come sfidante di Andreucci vedrei bene però un Rossetti che giudico un gran bel pilota…

 

 

Andrea Piras

 

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.