Il tifone di Suzuka

HEADER-TITOLO-BLOG-senza-foto

 

Il Tifone di Suzuka

 

Hagibis.

Muy rapido. Ecco ciò che significa nella cultura filippina.

Un tifone pronto ad abbattersi su Suzuka nel fine settimana di gara.

Boja Fauss…

Anche questa ci tocca?

Non tutti i mali verrebbero per nuocere, racconta un adagio popolare. E non ve lo nascondo. Sarei quasi contento che non si corresse tra i tornanti giapponesi del circuito di proprietà della Honda.

Serve tempo e buon senso. A smorzare gli animi e stemperare le tensioni di una realtà come quella della Formula 1, abituata a essere in perenne movimento come uno squalo bianco, per poter respirare e così non soccombere per sopravvenuta asfissia.

E invece se il mondo per un attimo si fermasse…

In Ferrari troverebbero un accordo tra le parti ai ferri corti. In Mercedes saprebbero dare una diversa interpretazione  a vittorie da pallottoliere della mutua. E qualcun altro terrebbe finalmente la bocca chiusa. Nel non dover commentare nient’altro che la pioggia copiosa cadente dal cielo.

Bello sognare.

Ma un tifone sarebbe proprio una benedizione nell’obbligarci a raccontare altro. Un mondo costretto a rallentare ed arrestarsi, per fare i conti finalmente con se stesso, come qualsiasi mortale venuto su questa Terra per dare un senso autentico alle proprie azioni.

Onora i tuoi simili con una pausa dalla velocità, casomai succedesse nella pioggia invadente di una violenta tempesta.

Una rivoluzione, piovuta dal cielo.

Ecco quale sarebbe.

Il vero tifone da ricordare.

Qui a Suzuka.

logo sinfonia motore almanacco

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'autore
SinfoniaMotore - Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

 

[apss_share]