Flash dal “Monte”

[vc_row][vc_column width=”1/3″][vc_single_image image=”918″ img_size=”large”][/vc_column][vc_column width=”2/3″][vc_single_image image=”898″ img_size=”large”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_column_text css_animation=”fadeIn”]

Flash dal “Monte”

 

Montecarlo. Un nome, un Rally,anzi. “Il” Rally per eccellenza. La storia si rinnova e cornice migliore per l’inizio del campionato del mondo WRC non potrebbe esserci. Condizioni climatiche mutevoli, ghiaccio,neve, pioggia con alcune prove speciali in notturna. Un rally autentico, alla vecchia maniera dove i manici veri escono fuori ed il pilota che fa meno errori, vince. 

La prima giornata prevede  2 p.s. in notturna che delineano già risultati piuttosto definiti. Si corre su di un asfalto reso insidiosissimo dalla presenza di ghiaccio vivo in diversi punti. In questa situazione nella prima p.s di più di trenta Km, è Ogier che nonostante un testacoda riesce ad uscire incolume dai tratti ghiacciati, dando distacchi abissali ai suoi colleghi, che hanno commesso diverse imprecisioni importanti. 37” a  Tanak , 48” a Latvala 1.’44” a Meeke , 4′ a Nevuille.  Gli unici in grado di contenere il distacco dal francese della Ford, sono Mikkelsen e Sordo per la Hyundai e Lappi per la Toyota.

La classifica dopo le prime 2 p.s vede primo Ogier, secondo Mikkelsen a 17 secondi, terzo Dani Sordo a 25 secondi. A seguire Lappi, Tanak e Latvala su Toyota. Tutti gli altri viaggiano già con distacchi superiori al minuto.

La seconda giornata di gara prevede sei prove speciali. Si comincia a delineare la rimonta di Tanak con la Toyota. Il forte pilota estone sembra essere già pienamente affiatato con la sua nuova Toyota Yaris e dopo la quinta p.s.  scavalca Sordo e si piazza al secondo posto in generale, dietro ad Ogier con un distacco di 40 secondi. Disputata l’ultima speciale ( p.s. 8) la classifica che si delinea vede Ogier primo, con Tanak in recupero a 14.9 secondi, terzo Sordo, quarto Lappi, quinto Latvala, sesto Meeke.

Terza giornata di gara. Partenza questa mattina, con la p.s.9 che pone i piloti di fronte ad una neve fresca difficilissima su gran parte della speciale. Con queste condizioni sul tracciato, Ogier sembra andare a nozze e riesce a riallungare su Tanak, rifilandogli 40” e riportando il vantaggio sull’estone a 55”, mentre Sordo ne combina un altra delle sue finendo in un fosso ed uscendo definitivamente di gara.

Nella successiva speciale Tanak, vince la prova recuperando 15 secondi su Ogier, riducendo così il distacco dal francese ad 40”. Terzo Latvala ad 1’40”.

Nel pomeriggio si disputano altre 3 p.s. Tanak riduce ulteriormente il distacco dal campione del mondo in carica a 33”, ma il francese ha una continuità di prestazioni invidiabile. Non vincerà le speciali ma nel rapporto “velocità errori compiuti” è veramente superiore. La delusione più grande fino a questo momento è la Hyundai, che sia da punto di vista dei piloti con gli errori di Nevuille  e Sordo che da quello dell’affidabilità, con Mikkelsen ritiratosi mentre era in lotta con Ogier, sta gettando le basi per una disfatta totale. Citroen con Meeke a 4’30” e Breen a 8’37”. Distanze siderali.

Al prossimo aggiornamento.

Con vincitori e vinti dell’ennesimo Rally del “Monte”.

 

 

[/vc_column_text][vc_column_text css_animation=”fadeIn”]Andrea Piras

 

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_row_inner][vc_column_inner][vc_column_text]

[apss_share]

[/vc_column_text][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row]