Carletto e il perdono di Binotto

HEADER-TITOLO-BLOG-senza-foto

Carletto e il perdono di Binotto

 

“ Oggi sei perdonato”.

Se Vettel ieri era incazzato…

Oggi…non saprei…

Binotto via radio assolve Carletto.

Ieri ho pensato di essere al Palio di Siena…oggi forse si è trattato di andare in udienza papale a Roma.

Leclerc ha offerto uno spettacolo sontuoso per 53 giri. Hamilton ha chiesto battaglia e per due volte tra Spa e Monza è rimasto scornato con questo ragazzo monegasco nipote sportivo di quel Louis Chiron capace di regalare il primo podio al Principato di Monaco in Formula 1…

Poi la sontuosità finisce qui. Domani e un altro giorno e il perdono di Binotto dovrà trovare terreno fertile per ricomporre una frattura che va oltre il presente e guarda già al futuro.

All’anno prossimo.

Capiremo.

Quanto Binotto possa essere un bravo  ( e concreto) TP.

Altrimenti il 2020 sarà certamente un’altra stagione.

Tormentosa e tormentata.

Probabile che Seb non si fidi più. Certi errori non sono solo il frutto della pressione. Capita, se la fiducia viene meno un po’ alla volta, fino a scomparire. La parola concessa a Todt figlio davanti ai microfoni Tv intende un nuovo corso già in essere in Ferrari che non faccia più conto su Seb? Siamo già alla svolta definitiva? Mettiamo Vettel al portone e non se ne parla più?

Vedremo che frutti darà questa vittoria sperando non diventi lasciando spazio al veleno una camera a gas.

Oltre all’entusiasmo di tutti a Monza.

Ferraristi in primis.

 

P.S.

Venga pure Hamilton in Ferrari…Forse non ha ancora capito.

Eventualemente, cosa l’attenda…

 

 

logo sinfonia motore almanacco

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

 

[apss_share]