47 (Pàthei Màthos)

HEADER-TITOLO-BLOG-senza-foto

47

(Pàthei Màthos)

 

Riparte il mondiale Endurance. E con esso quel racconto molto speciale che ho imparato essere (anche per me) la 47.

Una vettura da corsa. Una squadra. I piloti che la compongono. Un numero. A raccontare storie di uomini lungo il tempo di una corsa Endurance.

Oggi 6 Ore. Un assaggio di realtà. Di una nuova macchina e di nuove perseveranti speranze.

“Pàthei Màthos.”

Come Eschilo scriveva. Non c’è conoscenza senza sofferenza. Prima qualifica dell’anno. Roberto ottiene il sesto tempo.  Al telefono non l’ho sentito. Me lo immagino furibondo con se stesso. A cercar di trasformare la sua rabbia in energia per risultati. In fatica sportiva che mangia a morsi le montagne dell’impresa.

Non so niente. Eppure lo sento. Lo avverto. La presunzione del sentimento. Il mio, verso un uomo che crede nel lavoro e l’impegno.

Sono certo Roberto volesse di più.

Quei decimi in pista sono la sua conoscenza. Di una macchina da corsa e di quello che puoi metterci tu nello spremerti come un belva accecata dal bisogno. Di un risultato che va continuamente conquistato.

Roberto e la 47.

Senza sofferenza non sapremo mai come andrà a finire, dopo 6 Ore di autentica sfida.

Così sarà per Roberto, Antonio e Giorgio oggi  a Spa.

Credo un  giorno di lotta. L’ennesimo. Come per loro è sempre stato. Con certezza a prescindere nella loro inimitabile storia.

“Pàthei Màthos.”

Nella lotta più antica del mondo. Verso se stessi e poi gli altri.

Per una nuova emozione, che faccia sentire ancora più vivi.

Ciao ragazzi vi voglio bene.

logo sinfonia motore almanacco

logo sinfonia motore almanacco

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell’autore
SinfoniaMotore – Tutti i diritti riservati. All rights reserved.